Dolore cronico

Quando il dolore non è solo un problema del "corpo".

Dolore cronico

Vivere con il dolore

Se stai leggendo questa pagina, probabilmente, soffri di dolore cronico, o ne soffre una persona a te molto cara.

 

Probabilmente stai affrontando una delle situazioni più difficili e angoscianti che una persona possa vivere:  fare i conti con i sintomi fisici e psicologici di un dolore continuo che sembra non volerti abbandonare mai. 

 

Compromissioni

Che si tratti di una lombalgia, un’emicrania, del fuoco di Sant’Antonio o  della fibromialgia, il dolore cronico compromette la vita sociale, le capacità fisiche e causa ulteriori problemi a chi lo sta vivendo:

  • senso di impotenza
  • paura
  • Ansia
  • Depressione
  • Perdita del lavoro 
  • Problemi nella vita familiare
  • Generale declino fisico
  • Disturbi del sonno
  • Isolamento sociale
  • Dipendenza da narcotici

Chi decide?

Se state provando dolore da molto tempo, molto probabilmente, lo avete visto prendere il sopravvento sulla vostra vita.

 

Più il dolore cresce più la vostra vita si restringe.

 

Magari vi siete chiesti: ‹‹Chi prende le decisioni, io o il mio dolore?››, e probabilmente avete ammesso di non essere voi a farlo.

Percezione del dolore

Nel momento in cui il dolore diventa un problema cronico, i fattori psicologici diventano di estrema importanza per capire e gestire il problema.

 

Secondo il Gate Control Model, gli aspetti cognitivi, comportamentali ed emotivi, sono fattori capaci di alterare l'esperienza del dolore, andandola ad alleviare oppure ad intensificare.

 

L'esperienza del dolore è un fenomeno psicologico molto complesso in cui, il significato attribuito al  dolore, ha un enorme influenza sulla durata e l'intensità dei fastidi associati.

Proverò ad essere più chiaro: un dolore familiare, che viene interpretato in modo “innocuo”, è più facilmente tollerato, e meno angosciante, di un dolore nuovo, non affatto familiare, che viene interpretato, magari, come il segno di una malattia potenzialmente molto seria e fonte di angoscia.

 

Una persona che interpreta il dolore nel proprio petto come qualcosa legato ad un'indigestione dovuta ad una cena a base di cibi particolarmente piccanti e pesanti, sarà probabilmente più tollerante nell’accettare, e gestire, questo fastidio. Un dolore del tutto simile ma sperimentato per la prima volta da qualcuno con la forte paura di una morte improvvisa, può essere vissuto come estremamente pericoloso, e diventare intollerabile e angosciante.

 

Un nuovo approccio al dolore

Un ruolo attivo nel trattamento 

Il modello bio-psico-sociale del dolore pone l’accento sull’importanza di prendere in considerazione le interazioni dinamiche tra fattori biologici, psicologici e sociali, per un miglior trattamento del dolore cronico. Sottolinea, e promuove, il ruolo attivo che la persona affetta da dolore cronico dovrebbe assumere nel trattamento.

 

 

Informazione e dolore

Molti esperti suggeriscono che insegnare a convivere con il dolore e a migliorare la qualità di vita , nonostante il dolore, rappresenti il miglior approccio per aiutare le persone a vivere una vita piena e gratificante.

 

Quando le persone sono più informate e coinvolte nella gestione del dolore, si sentono meglio e dimostrano di essere più soddisfatte.

 

Sapere è potere. 

Riprendi in mano la tua vita

Quando soffriamo speriamo  di risolvere tutti i nostri problemi con il dolore.

 

Purtroppo, nonostante i miglioramenti nella medicina, non esiste alcun trattamento che può eliminare tutto il dolore, da tutte le persone, per sempre. Solitamente anche il trattamento più potente riduce il dolore per non più del 40%

 

In futuro, speriamo,lo scenario sarà diverso, ma oggi , una delle strategie vincenti che puoi adottare è quella di diventare l'esperto del tuo dolore ed iniziare gestirlo e riprendere in mano la tua vita

 

Una nuova prospettiva per un vecchio problema

Sviluppa un nuovo punto di vista

 

Non ti proporrò metodologie per eliminare il dolore. Non ho intenzione di offrirti strategie che non funzioneranno.

 

Ti offro l'opportunità di cambiare il rapporto che hai con il tuo dolore. 

Non aspettare 

 

Nell'attesa di vedere scomparire il dolore vedrai dissolversi la tua vita.

 

E' possibile vivere una vita piena e gratificante nonostante il dolore

Alcuni motivi di successo

  • Disponibilità ad abbandonare rabbia e diffidenza

 

  • Diminuire la paura del dolore e delle sue conseguenze

 

  • Coinvolgimento attivo e non passivo nel trattamento del dolore

 

  • Gestione comportamentale e psicologica del dolore

 

  • Abbandonare l’idea di valutare la scomparsa del dolore come indice di successo e benessere

 

  • Aumento dei livelli di attività generale

 

  • Assunzione di responsabilità del proprio programma terapeutico

 

  • Disponibilità ad orientarsi verso una riduzione degli analgesici

 

  • Disponibilità ad accettare il dolore come esperienza continua e a rinunciare a una cura definitiva

 

La mia ricetta per vivere la vita in compagnia del dolore

Esperienza! Affidabilità! Competenza!

Convivere con il proprio dolore significa aver imparato a vivere in maniera diversa la propria vita.

 

 

Credi sia una proposta deludente? Avresti preferito la promessa di un rimedio contro il dolore?

 

Probabilmente hai già provato molti rimedi e, nel migliore dei casi, hanno diminuito leggermente il dolore, ma non l’hanno eliminato del tutto.

 

Non posso, e non voglio prometterti soluzioni miracolose.

 

Non voglio neppure proporti di abbandonare le terapie per il trattamento del dolore.

 

Voglio proporti, invece, di riprendere in mano il timone della tua vita.

 

 

Una nuova sratgia

Quando affrontare i vecchi problemi con le vecchie strategie non funziona più

Se lottare contro il dolore non ha funzionato o non è stato sufficiente a ridarti indietro la tua vita, se affrontare i vecchi problemi con le vecchie strategie ti ha dato gli stessi vecchi risultati hai considerato di cambiare strategia?

 

La via che ti offro di seguire è facile, ma facile non vuol dire semplice: entrare in contatto con il tuo dolore per imparare a vivere con lui piuttosto che farti vivere da lui. 

 

Non permettere al tuo dolore di rubarti la cosa più preziosa che hai: la tua vita.

 

 

 

Dietro l'angolo

Pronto a cambiare strada?

Non ti prometto di eliminare il dolore, ma di fornirti gli strumenti psicologici per affrontarlo e ridurre la sofferenza e la disabilità che si porta dietro.

 

Posso aiutarti ad affrontare la sofferenza causata dal tuo dolore, non il dolore.

 

È possibile convivere con il dolore e imparare ad essere felici. 

 

Il tuo benessere è dietro l'angolo.

Sei pronto a scoprire cosa nasconde?

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
www.psicologo-pisa.it Davide Buttaglieri - Psicologia, Consulenza, Formazione Studio: Via Benedetto Croce 65, 56125 Pisa Mail: info@psicologo-pisa.it Tel: +39 3349907651; P.iva: 02037770506 copyright

Chiama

E-mail

Come arrivare