Fobia

Quando il terrore ci assale e perdiamo il controllo della nostra vita

Fobia

Una paura intensa, persistente e duratura

Consiste in una paura intensa, persistente, duratura e sproporzionata, provata per una specifica cosa.

 

L’oggetto della paura del fobico non rappresenta un reale pericolo ed è percepita come non controllabile.

 

Chi ne soffre è letteralmente sopraffatto dal terrore di entrare in contatto con ciò che teme.

 

Le fobie sono tantissime e ne esistono viarie tipologie.

 

Quelle generalizzate (agorafobia, paura degli spazi aperti, e fobia sociale, paura di esporsi in pubblico), fortemente invalidanti, e le comuni fobie specifiche.

 

In genere gli individui che si trovano a vivre paure così intense da configurarsi come fobie, tendono ad evitare gli stimoli temuti.

 

 

Classificazione delle fobie

Ti riconosci in una di queste categorie?

Le fobie si possono classificare per tipi:

 

Tipo animali. Fobia dei ragni (aracnofobia), fobia degli uccelli o fobia dei piccioni (ornitofobia), fobia degli insetti, fobia dei cani (cinofobia), fobia dei gatti (ailurofobia), fobia dei topi, ecc..

 

Tipo ambiente naturale. Fobia dei temporali (brontofobia), fobia delle altezze (acrofobia), fobia del buio (scotofobia), fobia dell’acqua (idrofobia), ecc..

 

Tipo sangue-iniezioni-ferite. Fobia del sangue (emofobia), fobia degli aghi, fobia delle siringhe, ecc..

 

Tipo situazionale. Nei casi in cui la paura è provocata da una situazione specifica, come trasporti pubblici, tunnel, ponti, ascensori, volare (aviofobia), guidare, oppure luoghi chiusi (claustrofobia o agorafobia).

 

- Altro tipo. Nel caso in cui la paura è scatenata da altri stimoli.

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
www.psicologo-pisa.it Davide Buttaglieri - Psicologia, Consulenza, Formazione Studio: Via Benedetto Croce 65, 56125 Pisa Mail: info@psicologo-pisa.it Tel: +39 3349907651; P.iva: 02037770506 copyright

Chiama

E-mail

Come arrivare